UA-68155207-1 Come dare disdetta alla tessera sindacale Cgil | Come scrivere una lettera

Ads

Come dare disdetta alla tessera sindacale Cgil

Come dare disdetta alla tessera sindacale Cgil

Nonostante una fase di appannamento che stanno vivendo i Sindacati in questi ultimi anni, complice un mercato del lavoro sempre più complesso, frammentato e precario, essere iscritti ad una organizzazione del lavoro, anche oggi, consente generalmente di godere di molti vantaggi e di tutele dentro e fuori alla propria azienda.

Oltre, in primis, alle forti battaglie a tutela dei diritti dei lavoratori, sia in termini di conservazione del posto di lavoro sia relativamente alle varie contrattazioni di secondo livello
(premio di risultato, deroghe favorevoli al CCNL, percorsi di stabilizzazione), i Sindacati sempre più offrono una vasta gamma di consulenze specifiche per vari servizi fiscali. Si va dalla compilazione del 730, ad un’assistenza nella compilazione del modulo per gli assegni familiari, alla tutela legale in casi di controversie lavorative sino alla redazione dell’isee.
Servizi, generalmente, erogati ai soli iscritti, gratuitamente o a tariffe agevolate.
Un’offerta importante a fronte di un tesseramento, la cui quota varia a seconda dell’organizzazione, ma che tendenzialmente equivale all’1% di quanto percepito della pensione e che viene detratto automaticamente dalla busta paga o dalla pensione.

Naturalmente esiste la possibilità di recedere dal tesseramento; facoltà consentita, spesso, dal mese successivo, ma che talvolta obbliga l’assistito ad un tesseramento minimo di un’intera annualità.
Per dare disdetta della tessera sindacale occorre rivolgersi al delegato che ci ha fatto la tessera, consegnando allo stesso la nostra rinuncia, o inviare direttamente al Sindacato l’apposita lettera con raccomandata A/R.
Talvolta, quando non se ne occupa il Sindacato stesso o per essere più sicuri, potrebbe essere utile fare oggetto di un’analoga comunicazione l’ufficio amministrativo della nostra azienda, avvertendo lo stesso il nostro intendimento di voler sospendere il versamento delle quote sindacali. In questo caso la comunicazione potrà essere inviata a mezzo di raccomandata o anche semplicemente essere consegnata a mano.

Vediamo, ora, un esempio di lettera per richiedere la disdetta a Cgil.

 

DISDETTA DA INVIARE ALLA CGIL

Alla ORGANIZZAZIONE SINDACALE
CGIL
Indirizzo

OGGETTO: Disdetta tessera sindacale n. ___________
Il/La sottoscritto/a ____________________________________________
nato/a a _______________________ (____) il______________________,
in servizio presso _____________________________________________
in qualità di __________________________________________________
iscritto/a presso codesta organizzazione sindacale,

CHIEDE

formale disdetta dell’iscrizione presso codesta organizzazione sindacale e che le relative
quote non vengano più addebitate sugli emolumenti mensili.

Cordiali saluti

Luogo e Data
Firma




Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *